Le attività

1. Gestione dei contatti ufficiali con le istituzioni pubbliche e private

 Attraverso  3 convenzioni:
  • La convenzione con l’ASST Papa Giovanni XXIII Di Bergamo per il finanziamento delle visite  o degli interventi che gli specialisti del Progetto SLA 95 ( neurologo, psicologo, rianimatore, fisioterapista...) fanno a domicilio di persone con SLA.
  • La convenzione con la CROCE BIANCA  Citta’ di Bergamo che garantisce un servizio gratuito di trasporto per le persone con SLA e i loro familiari , questo permette loro di recarsi ai controlli in Day Hospital neurologico o in rianimazione per il cambio canula tracheale trimestrale, per ricoveri o dimissioni c/o l'ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo. 
    La stessa convenzione garantisce alle persone con SLA e ai loro familiari un trasporto gratuito verso  qualsiasi località compresa nella provincia di Bergamo.                                                                       Lo stesso servizio di trasporto ai pazienti soci dei comuni di Almè, Brembate Sopra, Chignolo d'Isola, Mapello e Presezzo è garantito dai VOLONTARI di TREVIOLO Pubblica Assistenza ONLUS.                   Il servizio garantisce sicurezza e professionalità essendo il personale coinvolto formato e informato sulle problematiche della malattia.
  • Finanzia un programma di fisioterapia specifica e di idroterapia in strutture idonee e previa prescrizione del fisiatra.
  • Supporta progetti di Ricerca.
  • Supporta il Progetto Bergamo SLA '95, iniziativa finalizzata alla cura e al sostegno di pazienti affetti da SLA promossa dalla Neurologia dell' ASST Papa Giovanni XXIII.
  • Supporto al Progetto "Un case manager per la SLA" della USC Neurologia: la nostra Associazione ha ritenuto opportuno finanziare anche quest'anno un progetto dell'ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo; questo progetto, partito nel 2014, rientra nell'oggetto sociale della nostra Associazione, ed è finalizzato a consentire a pazienti e familiari colpiti da SLA di contare su un Case Manager, il quale, con il suo operato, ha favorito la continuità delle cure nei diversi ambiti assistenziali.

2. Servizio di supporto

Presso l’ambulatorio delle Malattie del Motoneurone, nel reparto di Neurologia dell’ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo, è possibile trovare la documentazione dell’Associazione a disposizione del malato e dei familiari interessati ad incontrarci.

 

La nostra sede è aperta al pubblico (familiari, pazienti, amici, volontari) il mercoledì dalle h. 11,00 alle h. 16,30, vi è una segreteria telefonica 24/24 ore dove è possibile lasciare messaggi. Il compito dei volontari è quello di accogliere le persone ascoltandole ed eventualmente indirizzandole a seconda delle esigenze.

 

Vengono date informazioni base sulla malattia e su problemi specifici, come alimentazione, comunicazione, movimento, respirazione, supporto psicologico, informazioni su leggi e diritti del malato. A volte vengono dati suggerimenti riguardo i contatti con le ASL, uffici per l’invalidità, etc.

 

Su richiesta, i nostri volontari fanno visite al domicilio delle persone con SLA, per rispondere ai bisogni del paziente, consegnare eventualmente ausili o semplicemente per essere vicino al paziente stesso.

 

3. Magazzino di materiale sanitario di consumo e di ausili

Creato per tamponare le forniture ASL spesso in ritardo o carenti. Il materiale in possesso dell’Associazione viene distribuito gratuitamente e gli ausili sono dati in comodato d'uso.

Per andare incontro alle esigenze dei pazienti, ed evitare loro l'andirivieni dall'ospedale di Mozzo, che è un centro di riabilitazione, l'Associazione ha collocato nell'ospedale stesso un armadio con ausili a disposizione dei pazienti, i quali possono testare in loco l'ausilio che sarà poi prescritto dal fisiatra o dai fisioterapisti. 

4. Eventi per raccolte fondi o campagne di sensibilizzazione

Questi permettono una visibilità sul territorio, sono  momenti  di aggregazione nel corso dei quali i pazienti, i loro familiari ed amici possono incontrarsi, conoscersi, confrontarsi e stare insieme.

 

Per la raccolta fondi l’Associazione utilizza il c/c postale: n° 85440659 IBAN Banco Posta IT29Q076011100000085440659 e il c/c bancario n° 98625  c/o UBI Banca Popolare di Bergamo sede centrale IBAN  IT24F0311111101000000098625

 

 

A fronte delle eventuali donazioni, l’Associazione rilascerà un documento per la detrazione d’imposta dalla dichiarazione dei redditi.

Segreteria telefonica 24 ore      Tel. 035/210425